Ovidio, il “poeta superficiale”

Originario di Sulmona, fu cantore dell’eros, ma seppe riscrivere il mito come mai nessuno prima di lui
Ovidio, il “poeta superficiale”

Collinosa Sulmona, in mezzo ai monti degli antichi Peligni. La guarda il Morrone, che conserva la caverna dell’eremita Pietro, divenuto brevemente Papa col nome di Celestino Quinto. La via da Sulmona a Pescara scende a valle e va verso oriente per giungere alle sponde del verde Adriatico. Nella fantasia la ripercorro: congiunge due fra i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.