Otto mesi per ammettere “Pedinavamo Regeni”

Gli inquirenti egiziani in trasferta consegnano ai pm capitolini gli atti a lungo richiesti e rivelano il ruolo della polizia. Pronta una rogatoria
Otto mesi per ammettere “Pedinavamo Regeni”

C’è un punto di contatto tra le due indagini parallele, quella italiana e quella egiziana, sull’omicidio di Giulio Regeni, il cui corpo torturato è stato trovato senza vita al Cairo il 3 febbraio. Il contatto sta nella figura di Mohamed Abdallah, capo di quel sindacato di ambulanti, inviso al governo di Al Sisi e sul […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.