Otto buoni motivi per (non) aver paura di Starbucks

Otto buoni motivi per (non) aver paura di Starbucks

Mi spiace ma io la polemica sull’apertura di Starbucks non la cavalco. Non starò qui a rivendicare la prelibatezza dell’espresso italiano o l’inadeguatezza delle palme in piazza Duomo. Primo perché a Milano è pieno di bar rigorosamente italiani in cui i caffè sono una ciofeca. O di bar italiani che sono passati ai cinesi in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.