Osservare gli umani, lavoro irrilevante spietato e necessario

Partendo dalle istantanee in bianco e nero di Jacopo Benassi, Paolo Sorrentino firma una serie di ritratti di “eroi di retroguardia”
Osservare gli umani, lavoro irrilevante spietato e necessario

Forse perché “futuro è il nome che diamo alla pochezza del presente”, perché esistono uomini “che avendo due possibilità finiscono per non sceglierne nessuna” o perché “non ci si riprende mai più dalla vista dei padri che piangono ad agosto”, sono nella vita proprio “gli aspetti irrilevanti” – titolo dell’ultimo libro di Paolo Sorrentino – […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.