Osler è morto, Osler è vivo. L’ultima fuga del gregario

Un infarto lo stronca mentre è in bici: dopo mesi di coma, contro ogni previsione, il ciclista si riprende e torna in piedi
Osler è morto, Osler è vivo.  L’ultima fuga del gregario

È morto ed è risorto. Chi? Gesù Cristo? No, Marcello Osler. Era ormai in una stanza riservata dell’ospedale e tutti lì ad aspettare l’ultima ora, medici, amici, tutti. Dopo mesi di coma, speranze zero. Un infarto l’aveva schiantato, proprio in bicicletta e con suo figlio, nella sua valle, in mezzo alla sua famiglia e ai suoi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.