Orlando si fa la sua “lobby”: “Matteo non sarà premier”

La strategia - Il ministro riunisce i suoi e annuncia: “Chi fa il segretario non può candidarsi a Palazzo Chigi”. Poi difende Franceschini e Prodi
Orlando si fa la sua “lobby”: “Matteo non sarà premier”

Andrea Orlando vuole trasformare la minoranza Pd in una “lobby”. Parole sue: “Non vogliamo organizzare dentro il partito l’ennesima corrente – sorride il ministro della Giustizia – ma una lobby per la costruzione del centrosinistra, per tenere il Pd saldamente nel centrosinistra. Al centro del centrosinistra”. L’unico, trascurabile ostacolo al suo progetto (il centrosinistra, appunto) […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.