Oramai la Ferrari va come la Fiat….

Era il dicembre del 2002, alla presentazione mi pare del Pi greco libro di Bruno Vespa, quando un Berlusconi pimpante e premier, un Caimano ringiovanito dalle elezioni (lo stile D’Addario doveva ancora cominciare), disse la frase fatidica: “La Fiat si dovrebbe chiamare Ferrari, altro che storie, tutto un altro brand nel mondo. E magari con […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.