“Ora Poletti si dimetta”. Musica e parole di chi s’è tolto dai piedi

Le storie - Da Berlino a Londra, le testimonianze di quelli che hanno lasciato l’Italia. C’è pure l’ex stagista del ministro: “Fu una delusione”
“Ora Poletti si dimetta”. Musica e parole di chi s’è tolto dai piedi

Sono centinaia le lettere arrivate in questi giorni al Fatto dopo che sul suo blog il vicedirettore Stefano Feltri ha invitato i lettori a chiedere le dimissioni del ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, autore di questa massima: “Conosco gente che è andata via e che è bene che stia dove è andata, perché sicuramente questo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.