Ora la propaganda del Sì arruola pure i malati di autismo

Sulla pelle di chi soffre - Una associazione si schiera per la riforma Ma molte famiglie protestano: “Lasciate in pace i nostri figli”
Ora la propaganda del Sì arruola pure i malati di autismo

Il Sì cerca di arruolare anche i familiari degli autistici. Dopo i messaggi delle ministre Maria Elena Boschi e Beatrice Lorenzin che chiamavano in causa malati di tumore, di diabete e di epatite C ecco che di nuovo la propaganda elettorale cerca l’appoggio di chi sta male. E il bacino di voti è grande, visto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.