Operaio ucciso da un tir. “Gli hanno detto: stendili”

Travolto al picchetto, accuse all’azienda Gls: “Un dirigente ha incitato l’autista”

inviato a Piacenza Un mucchietto di cenere fumante sull’asfalto. Proprio dove è morto Abdel Salam El Danaf: “Abbiamo acceso un piccolo fuoco per coprire il sangue sulla strada”, racconta il fratello Elsayed ingoiando lacrime. È finita così, mercoledì sera, la vita di Abdel Salam, lavoratore egiziano di 53 anni: stava protestando per difendere il posto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.