Operaio morto all’Ilva, l’ombra del sabotaggio. “Nastro manomesso”

Le prime perizie. Gli accertamenti rivelano un taglio di 200 metri lungo il rullo trasportatore
Operaio morto all’Ilva, l’ombra del sabotaggio. “Nastro manomesso”

Le voci. I sospetti. Una soffiata agli investigatori. E poi la procura che fa analizzare quel lungo taglio – secondo alcune indiscrezioni un solco di 200 metri – inciso sul nastro che trasporta la ghisa nell’altoforno numero 4. Fu davvero l’usura, il 17 settembre, a danneggiarlo? O fu boicottaggio? Sembra un dubbio d’altri tempi. Sembra […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.