Ong, è facile parlare rimanendo seduti

Un giorno Erri De Luca pensò che fosse giusto andare a vedere con i propri occhi che cosa succedeva ai disperati sui gommoni. E lo fece. S’imbarcò sulla nave di salvataggio, “Prudence”, di Medici Senza Frontiere. Dopo due settimane trascorse a bordo scrisse la testimonianza pubblicata mercoledì scorso sul Fatto e che da sola vale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.