» Politica
venerdì 20/04/2018

Governo e consultazioni, la nuova sceneggiata di Salvini che fa infuriare B. e il Colle

Fine del secondo tempo - Oggi la Casellati sale al Quirinale per riferire sull’esito delle consultazioni. Il centrodestra si prende la scena e il capo della Lega continua con i bluff

Il dubbio squassa, alle otto di sera, due palazzi non distanti tra di loro. Il Quirinale e Grazioli. Il capo dello Stato e il Condannato.

Il dubbio è: “Ma Salvini a che gioco sta giocando, questo è modo di fare politica?”. Il dubbio implica un sospetto: “A Salvini del governo non importa nulla, pensa solo a sé e alla Lega”.

È lo stesso identico film della settimana scorsa al Colle, al secondo giro di consultazioni del presidente Sergio Mattarella. Salvini che dice a Di Maio che “è fatta” sul fatidico passo di lato di B., Di Maio che lo riferisce al capo dello Stato e poi Berlusconi che fa saltare tutto con la nota pantomima alla Totò e Peppino.

Di qui dubbi e sospetti sulla vera strategia del leader leghista, che nel tardo pomeriggio di ieri, al bis dell’esplorazione di Maria Elisabetta Alberti Casellati, presidente del Senato, ribalta la scontata prospettiva funebre e promette “spiragli”. Luce. Ottimismo. Che sarà successo?

Questo.

Prima scena, secondo il racconto di alcune fonti azzurri. Salvini che tenta di rassicurare l’ex Cavaliere: “Silvio, i grillini stanno facendo cadere il veto su di te, vedrai che ce la faremo”. Testuale. Berlusconi, che nei momenti topici raddoppia crudelmente diffidenza e pragmatismo, risponde: “Mah, io la vedo ancora impossibile. Loro non reggeranno mai me e io non potrò mai reggere l’appoggio esterno, vediamo”. Il cauto “vediamo” di B. è racchiuso poi all’uscita dallo studio di Casellati. A mani giunte e un passo indietro rispetto a Salvini che parla ai giornalisti. Niente gesti, niente esternazioni non concordate. Una posizione di attesa, meno di rottura.

Seconda scena. Salvini che si “gioca” Di Maio per la seconda volta in sette giorni: “Luigi è fatta, Berlusconi fa il passo di lato”. Tra i due, comunque, resta sospesa una cruciale zona d’ambiguità: chi fa il premier? Per varie fonti, infatti, Salvini non promette Palazzo Chigi all’altro “vincitore”.

Ed è su queste basi che Salvini recita la seconda sceneggiata dopo quella al Colle. Stavolta a Palazzo Giustiniani, da Casellati. A quel punto, nel tardissimo pomeriggio di ieri, diventa decisivo l’incontro tra la delegazione grillina e la presidente del Senato.

Alla fine è Di Maio a fotografare i retroscena di questi giorni: “Se Forza Italia vuole dare il sostegno lo faccia ma io non tratto con loro”. È lo smascheramento del secondo bluff salviniano.

Al Quirinale le reazioni mischiano sgomento e preoccupazione. È un film già visto, appunto. In ogni caso, oggi Mattarella riceverà Casellati per il resoconto ufficiale del mandato esplorativo affidatole mercoledì dopo quattro giorni di riflessione intensa.

A Palazzo Grazioli, invece, prevale di nuovo la rabbia. Questa volta B. è stato silenzioso “ma quello lì mi ha preso lo stesso a schiaffi dopo”. “Quello lì”, ovviamente, è Di Maio. In base a valutazioni provenienti da Forza Italia il retropensiero è che “Salvini voglia continuare a guadagnare tempo in vista delle regionali in Molise e in Friuli Venezia Giulia”. Cioè la fine del mese. È la strategia dell’annessione “morbida” di Forza Italia per invertire ancora di più i rapporti di forza nel centrodestra. Allo stesso tempo, “Di Maio vuole tenere lontana il più possibile l’ipotesi di un mandato esplorativo a Fico”. Insomma, lo schema Lega-Cinquestelle, e non centrodestra, non sarebbe del tutto spirato. E per capirlo, fanno notare da più ambienti, l’unico modo è dare un pre-incarico a Salvini o Di Maio. È lo stesso leader leghista a farlo capire: “Scendo in capo direttamente io”.

Ipotesi estrema ma che in teoria può essere un’opzione del Colle, anche se c’è da tenere conto che il giudizio su Salvini lassù è molto negativo, per le questioni di politica estera e per il doppiogiochismo manifestato nelle consultazioni. Non solo. Un pre-incarico implicherebbe la rottura tra B. e Salvini se lo schema è “tra i due soltanto”, almeno a sentire gli azzurri che hanno parlato con l’ex Cavaliere ieri sera.

Ascoltata Casellati, Mattarella si prenderà un altro weekend di riflessione e poi affronterà la prossima settimana con le due carte ancora a sua disposizione. Il mandato esplorativo a Roberto Fico, presidente della Camera, per rispettare la simmetria ed esplorare l’altro perimetro possibile, Pd e Cinquestelle, oppure il nome terzo per cominciare la discussione su un governo di transizione che porti non prima di un anno il Paese alle urne.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Senatore a vita

Napolitano continua a monitare. E torna in tv da Fabio Fazio

Giorgio Napolitano è senatore a vita nel vero senso del termine: il presidente emerito non ha alcuna intenzione di rinunciare alla sua influenza politica. E in questi giorni di stallo e confusione, si segnala il suo imperterrito, perdurante attivismo. Chi pensava che il suo discorso in occasione dell’elezione del presidente del Senato fosse una sorta di commiato – seppur pieno di rimproveri e consigli – si sbagliava. I giornali non smettono di riportare ogni suo sussulto: l’altro giorno non sono passati inosservati i suoi applausi convinti al discorso sulla Siria del grillino Danilo Toninelli, interpretati come l’apprezzamento dell’emerito nei confronti dei nuovi 5Stelle atlantisti. Ieri Napolitano era in prima fila al convegno politico organizzato da Enrico Letta e Carlo Cottarelli. A margine, interpellato dai cronisti, il presidente ha espresso la sua comprensibile “preoccupazione per lo stallo politico”. Ma a riprova del fatto che Re Giorgio non ha alcuna intenzione di abdicare, è in programma persino il grande ritorno televisivo: domenica sera sarà ospite d’onore (in collegamento) di Fabio Fazio e del suo “Che tempo che fa”, in prima serata su Rai Uno.

Politica
Storia della sinistra

Crisi senza fine, il marchio dell’Unità ora finisce all’asta

Scomparsadalle edicole dallo scorso giugno, ora l’Unità finisce all’asta. Il Tribunale di Roma ha incaricato un perito di procedere alla valutazione della testata fondata da Antonio Gramsci nel 1928, organo ufficiale del Pci dalla sua nascita allo scioglimento nel 1991. Una volta depositata la perizia, il giudice potrà procedere alla vendita del quotidiano. È la conclusione di un iter avviato dagli ex giornalisti a seguito della cessazione delle pubblicazioni e del mancato pagamento degli ultimi stipendi (maggio e giugno 2017). Ed è la parabola finale, dopo il mai realizzato rilancio del “brand” annunciato da Matteo Renzi nel 2015, quando l’ex premier affidò la testata all’imprenditore edile Massimo Pessina. L’ultimo atto è dunque la vendita dell’Unità al migliore offerente: chiunque sia interessato al marchio del giornale potrà presentare la sua offerta per acquistarlo; non c’è più nessuna garanzia del rispetto della storia di sinistra del quotidiano. Gli ex dipendenti sperano almeno che il giudice faccia in fretta, perché la testata rischia di perdere ulteriormente il suo valore economico.

Testatine

Testatina del 20/04/2018

Politica

Di Maio ammette i negoziati col Cav: “Ma più di così no…”

Ora fa il moderato, ma Silvio B. è stato il profeta dei populismi
Politica
La riscoperta

Ora fa il moderato, ma Silvio B. è stato il profeta dei populismi

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×