» Politica
venerdì 22/07/2016

Nove anni tra varianti, ritardi ed extra-costi

Nove anni tra varianti, ritardi ed extra-costi

La travagliata storia della Metro C inizia negli anni ‘90, la giunta Rutelli pianifica di realizzare per il Giubileo del 2000 una linea che colleghi la periferia Est col centro storico. A febbraio 2006, sindaco Veltroni, il consorzio fatto da Vianini Lavori (Caltagirone), Ansaldo Trasporti (Finmeccanica), Astaldi e CCC si aggiudica l’appalto da 2,5 miliardi […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica

Metro C, c’è un castrum romano nella stazione

Politica

Basta sacco di Roma: no alle grandi opere, aiutiamo le periferie

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×