Note stonate all’Ariston: non sono solo canzonette

“Il libro nero del Festival di Sanremo”, inchiesta tra massoneria, servizi segreti, spionaggio e corruzione
Note stonate all’Ariston: non sono solo canzonette

Dici Sanremo e ti viene in mente il sorriso preconfezionato di Carlo Conti, e con lui una rassegna di innocue canzonette che si ripete con qualche stanca variazione di anno in anno. Ma dietro Sanremo, in realtà, c’è una storia centenaria fatta anche di massoneria, servizi segreti, spionaggio, corruzione: è la tesi dello storico Riccardo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.