Nostalgia del bel fumo, prima che diventasse perversione

“Smoke”, il tempo in cui la sigaretta era un rito sociale. Anche troppo
Nostalgia del bel fumo, prima che diventasse perversione

Non fumo perché al cinema non si può fumare, e io non potrei mai vedere un film senza fumare”, diceva uno dei personaggi di Santa Maradona. Anche perché nei film si fuma, e anche tanto, come se le sigarette lì fossero l’intervallo regolare tra una parola e l’altra, e in fondo scandissero il ritmo della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.