Non voler servire il thè a Erdogan è reato

Reato di opinione - Il responsabile della mensa del giornale di opposizione Cumhuriyet rischia 4 anni
Non voler servire il thè a Erdogan è reato

Tutto è dovuto a un Sultano, niente può essergli negato. Così perfino l’espressione di un’opinione non entusiastica o vagamente critica può portare al carcere. Con tanti saluti alla più basilare delle libertà civili. Senol Buran è il responsabile della mensa del quotidiano turco Cumhuriyet, noto per essere una delle voci libere contro il potere sempre […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.