“Non un set ma un suk: avanti così e a Roma non girerò più”

Carlo Verdone racconta il suo ultimo film, “Benedetta follia”, uno dei tanti in lavorazione nella torrida estate, da “The Place” di Genovese a “Made in Italy” di Ligabue
“Non un set ma un suk: avanti così e a Roma non girerò più”

Adagiate straccamente sotto l’ombrellone, in un vicolo del centro di Roma, stanno pizzette e frutta assortite: ci sono 39 gradi – 40 percepiti –, eppure loro non fanno una piega. D’altronde, su un set cinematografico, anche alle vettovaglie è chiesto di recitare (bene) la parte del catering perfetto. Benedetta follia: dietro piazza della Minerva si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.