Non troppo vivi ma non ancora morti. I veri zombie siamo noi nel 2016

Dietro le serie come “The walking dead” c’è una metafora sulla condizione stessa dell’esistenza
Non troppo vivi ma non ancora morti. I veri zombie siamo noi nel 2016

Lo zombie come metafora di un certo tipo di essere umano, né morto né vivo, si presta da tempo a una lettura sociologica di denuncia. Gli esempi, in letteratura come nel cinema, usati per esprimere condizioni esistenziali eufemisticamente non del tutto tali, sono sterminati. Ma negli ultimi anni l’incremento di lavori sul tema è cresciuto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.