“Non rispondere è un diritto ma il silenzio crea dubbi”

“Non rispondere è un diritto ma il silenzio crea dubbi”

Giorgio Toschi ha diritto di non rispondere. Anche se deve accettare che questo silenzio generi dei dubbi”. Philippe Ridet, corrispondente dall’Italia per il quotidiano francese Le Monde, mette però l’accento su un’altra questione: il rapporto con lo Stato. “Non sono per niente sicuro che la Francia possa dare lezioni di morale a nessuno. Ma qualche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.