» Storie d'Italia
sabato 23/07/2016

Non lo sapevamo, fare il senatore vuol dire comparire in diretta tv

Non lo sapevamo, fare il senatore vuol dire comparire in diretta tv

Esordisce con un incomprensibile “in linea di principio essendo assente ho la mia colpa”, insinuando così una differenza tra teoria e pratica che fa già innervosire (o non c’eri, e sei colpevole, o c’eri). Segue una spiegazione della sua assenza in Senato, alla votazione che ha negato l’autorizzazione all’uso delle intercettazioni nel processo Ruby ter, […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Storie d'Italia

Vieni, c’è una casa sul web: ma attenti a Totò-truffa

Storie d'Italia

Nel 1990 c’è da sudare sotto il sole di Belli e Baccini

Varese 1961, l’ultimo rogo dei libri “proibiti” in Italia
Storie d'Italia
La condanna al falò

Varese 1961, l’ultimo rogo dei libri “proibiti” in Italia

di
“Cuccia non capì la grandezza di Olivetti. E il gioiello si sfaldò”
Storie d'Italia
Il libro del banchiere

“Cuccia non capì la grandezza di Olivetti. E il gioiello si sfaldò”

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×