“Non in mio nome”: stravolta la legge sul cyberbullismo

Nata per proteggere i minori, metterà il bavaglio al web
“Non in mio nome”: stravolta la legge sul cyberbullismo

Non me la sento di associare il mio nome al testo che è uscito dalla Camera. Non è questo lo spirito con cui è nato”. Paolo Picchio è il papà di Carolina, 14enne di Novara che nel 2013 si è tolta la vita perché vittima di cyberbullismo. Insieme alla senatrice del Pd Elena Ferrara, da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.