“Non giochiamo in Russia perché il calcio è per ricchi”

Il campione del mondo del 1982 interviene a gamba tesa contro Federazione e Serie A: “Troppi errori, Mancini non basterà”
“Non giochiamo in Russia perché il calcio è per ricchi”

“Ogni tanto ripenso alle vecchie nazionali, alla mia nazionale, e mi sento male”. Per Claudio Gentile la maglia azzurra è quasi una seconda pelle: campione del mondo nell’82 da giocatore, campione d’Europa nel 2004 con l’Under21 e bronzo olimpico ai Giochi di Atene da ct. “La mancata qualificazione ai mondiali è stato un grande dolore: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.