Non c’è solo la ‘ndrangheta: Duisburg e il dragone cinese

Germania - Ogni settimana dalla metropoli di Chongqing arrivano 25 treni e con gli affari si accentua l’interesse della mafia orientale
Non c’è solo la ‘ndrangheta: Duisburg e il dragone cinese

Sono passati quasi undici anni da quando a Duisburg, davanti al ristorante italiano Da Bruno, una faida interna alla ‘ndrangheta portò all’esecuzione di sei persone. Da allora molta acqua è passata sotto i ponti della città che si affaccia sul Reno e dove si trova il più grande porto fluviale d’Europa. E dove attraccano ogni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.