Non abbandoniamo la casa di Dario Fo: che diventi museo

Non ricordo quando entrai per la prima volta nella casa milanese di Dario Fo e Franca Rame, a Porta Romana. Erano tanti anni fa e quella casa era una specie di porto di mare, dove giravano tante persone, si lavorava, ci si incontrava, si facevano riunioni, si sviluppavano discussioni. Io ero di certo un po’ […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.