Noi siamo sempre gay. Sono i tempi a essere cambiati (e non poco)

In scena al Piccolo Teatro Strehler (e poi in tournée) “The Pride”, che per fortuna ha l’orgoglio solo nel titolo. Una storia omosessuale in due periodi storici molto differenti
Noi siamo sempre gay. Sono i tempi a essere cambiati (e non poco)

Ovvio che uno a Delfi ha un’epifania e si scopre omosessuale: nessuno è mai andato al tempio per consultare l’oracolo, ma solo per sentirsi ripetere, scolpito a caratteri cubitali sul frontone, “Conosci te stesso”. Questo è quanto accade a Oliver, scrittore per ragazzi timido e insicuro, che, negli anni Cinquanta, dopo la “scoperta”, non può […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.