Noemi, il Csm indaga sui ritardi dei giudici

Noemi, il Csm indaga sui ritardi dei giudici

Il 17enne omicida reo confesso della fidanzata Noemi Durini, 16 anni, non era affatto sconosciuto ai giudici. A segnalarlo, quattro mesi fa, infatti era stata la madre di lei, che lo aveva denunciato per presunte violenze nei confronti della figlia. Denuncia che non aveva portato a nulla. Solo a fine agosto, infatti, il Tribunale dei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.