“No mafia memorial”, il sogno di Umberto Santino è diventato realtà

L’uomo dell’invettiva ha cambiato espressione: “Dovevamo raccontare la tragedia permanente di Palermo”
“No mafia memorial”, il sogno di Umberto Santino è diventato realtà

D’accordo, d’accordo. “Storie italiane” deve parlare di persone poco conosciute. E Umberto Santino è sulla breccia dell’antimafia da decenni. Fondatore a Palermo nel ’77 del primo centro studi sulla mafia, per capirsi, poi diventato per tutti Centro Impastato. Però fate il caso che ci sia un altro Umberto Santino. Non quello asprigno e strapolemico che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.