No alle eccezioni folcloristiche: serve una realtà

È un’ascesa silenziosa, ma costante: quelle delle donne ai posti di comando, un cambiamento che marcia inarrestabile tra mille resistenze, incarnatesi ad esempio la scorsa settimana in argomentazioni paternalistiche e ipocrite su una presunta impossibilità di portare avanti gravidanza e campagna elettorale di una candidata sindaca. Ma proprio la virulenza del bestiario maschile, e la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.