“Nelle nostre città non abbiamo la polveriera belga”

L’agente segreto - “Certo che può succedere un attentato anche da noi, ma la proporzione del rischio è di 70 a uno. Qui non ci sono radici”
“Nelle nostre città non abbiamo la polveriera belga”

Non ha molto senso paragonare l’Italia al Belgio. Tutti gli investigatori, con una mano sulle statistiche e l’altra su uno scaramantico pezzo di ferro, concordano sul punto. Non tanto per la nostra capacità di intelligence. “Quello che ci rende diversi”, spiega uno degli uomini ai vertici dei servizi segreti italiani, “non è la nostra difesa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.