Nella Stoccolma del melting-pot lacrime senza paura

Omaggio di tutte le comunità alle vittime del tir. L’uzbeko arrestato (insieme a 3 presunti complici) era noto agli 007
Nella Stoccolma del melting-pot lacrime senza paura

Giovani di colore, ragazzi dai capelli biondi o rossi, donne col velo, abiti occidentali, occhi a mandorla, tratti mediterranei. Per la Svezia è sempre stata quotidianità la contaminazione etnica, fisiologica conseguenza di una lunghissima tradizione di immigrazione e integrazione. Ora però colori e culture si mescolano nel pellegrinaggio per rendere omaggio alle vittime dell’attacco di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.