Nella “bulle”, capitale dei migranti di Parigi

Francia - La struttura, gestita da ong, è il più grande centro d’accoglienza in una metropoli europea
Nella “bulle”, capitale dei migranti di Parigi

L’alternativa quotidiana alla strada per i migranti è la bulle. Una struttura gonfiabile dove i volontari di Emmaüs Solidarité accolgono tutti i giorni, dalle 8 alle 20, chi ha già tanto viaggiato e non ha nessun posto dove andare. Siamo al 70 boulevard Ney, estremo nord di Parigi. Qui non si parla di campo profughi, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.