» Cronaca
mercoledì 20/09/2017

Consip, quello che ha detto davvero la Musti: nel verbale del “complotto” la “bomba” non era su Renzi

Al Csm - Lo stenografico dell’audizione di Lucia Musti smonta la tesi del golpe: la pm faceva riferimento a un’altra inchiesta, quella su Cpl-Concordia e le coop rosse
Consip, quello che ha detto davvero la Musti: nel verbale del “complotto” la “bomba” non era su Renzi

La “bomba” arrivata nelle mani della procuratrice di Modena Lucia Musti, secondo quanto le avrebbe detto il colonnello dei carabinieri Sergio De Caprio, alias Ultimo, non aveva un riferimento all’intercettazione tra il segretario del Pd Matteo Renzi e il generale della Guardia di Finanza, Michele Adinolfi. Non è la pistola fumante, come qualcuno ha paventato in questi giorni, che prova il complotto giudiziario ai danni dell’ex premier, proseguito con l’inchiesta Consip e sempre con la sponda del Fatto Quotidiano. La “bomba” era rappresentata dall’indagine condotta dal Noe dei carabinieri di Ultimo, che mettevano sotto accusa le coop rosse e il mondo vicino a Massimo D’Alema, mai indagato.

Quando Musti parla di Ultimo ai consiglieri del Csm, sostenendo che lui come il maggiore Giampaolo Scafarto erano degli “esagitati”, lo dice perché parla dello stralcio di indagine Cpl-Concordia che le arriva per competenza da Napoli. E a proposito dei due ufficiali afferma: “Non mi piaceva neanche il rapporto che avevano con l’autorità giudiziaria perché a me avevano detto: ‘Dottoressa, lei se vuole ha una bomba in mano, lei se vuole può fare esplodere la bomba’”. E Fanfani: “Chi glielo disse questo qui?”. Musti: “Il colonnello De Caprio. Secondo me pensava che io chissà cosa avessi potuto fare, forse il burattino nelle sue mani… io sono sicura di aver deluso i carabinieri di questo reparto”. In realtà, nonostante fossero “esagitati”, Musti, sulla base di un loro rapporto, si mette a fare “un’attività di intercettazione anche delicata, a livello di Cpl erano in contatto con persone importanti per corrompere”, ma siccome non stavano emergendo elementi per un processo e le “intercettazioni costano”, stacca i microfoni e archivia.

Che non ci sia l’ossessione Renzi lo dimostra anche un altro passaggio dell’audizione in cui Musti a proposito dell’informativa “fatta con i piedi” elenca i capitoli e indica “il capitolo ottavo, rapporti tra Cpl Concordia e D’Alema Massimo”. Ma i consiglieri vogliono sapere dell’intercettazione Renzi-Adinolfi, pubblicata dal Fatto il 10 luglio 2015. Non l’aveva letta, la apprende “quando è scoppiata quella che per me è stata una bomba (la pubblicazione sul Fatto, ndr)” e subito scrive una nota al suo procuratore generale sollecitato dal capo degli ispettori ministeriali, Cesqui. È preoccupato anche il procuratore di Roma Giuseppe Pignatone, che aveva ricevuto un altro stralcio di Cpl. E i due si sentono: “Mi telefonò Pignatone, ‘Lucia come rispondi?’ Io rispondo in un certo modo eccetera. Lui mi disse: ‘Ci tocca rispondere, dobbiamo rispondere tutti e due’. Allora dissi: ‘Diremo le cose come stanno’”. Anche Woodcock chiama Musti: “Quello che gli volevo dire me lo sono tenuto per me perché tanto era già arrabbiato così, cosa lo faccio arrabbiare di più, a che serve?”.

I consiglieri insistono, come se non ci fosse stata già un’indagine a Napoli che ha ricostruito i fatti: l’intercettazione, depositata, uscì dal Consiglio degli avvocati. È sempre il presidente Fanfani che le chiede ancora dell’intercettazione Renzi-Adinolfi: “Con Pignatone avanzaste ipotesi su come poteva essere sfuggita?”. Musti: “Certo che sì. E quando salta fuori la notizia del capitano del Noe (Scafarto indagato per falso, ndr) a me è venuto un colpo, perché ho detto: ‘Uno più uno fa due, finalmente l’hanno preso’, perché il modo di fare di questo capitano era spregiudicato”. E racconta di Scafarto “come il prezzemolo” che insiste per incontrarla e quando a settembre 2016 la vede, le avrebbe detto: “Succede un casino, arriviamo a Renzi”. Una frase che non avrebbe dovuto dire a un pm di un’altra Procura per opportunità. Ma che non ci fossero rilievi penale lo prova il fatto che Musti non lo indaga e anche se pensa che Scafarto e Ultimo siano pessimi, quando a fine maggio 2015 a Roma c’era stata una riunione di coordinamento con i pm della capitale e con quelli di Napoli su Cpl non disse nulla: “Non mi metto a questionare sui metodi di lavoro dei colleghi”.

Dall’audizione del procuratore generale di Napoli Luigi Riello, invece, si è venuto a sapere che il procedimento disciplinare pendente alla Procura generale della Cassazione su Woodcock non è solo per l’articolo di Repubblica in cui si riportano, non autorizzate, alcune riflessioni del pm su Consip, ma anche per la mancata iscrizione di Filippo Vannoni, ex consigliere economico di Palazzo Chigi, per violazione di segreto e favoreggiamento, a differenza del ministro Lotti, del comandante dei carabinieri Del Sette e del comandante in Toscana Saltalamacchia. Tutti i personaggi erano stati chiamati in causa dall’ex ad di Consip, Luigi Marroni, come presunti responsabili della catena di “spiate” che lo portarono a togliere le cimici dall’ufficio. Vannoni fu interrogato da Woodcock e Carrano (anche lei “incolpata”) il 21 dicembre scorso come testimone e quindi senza difensore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
il senatore mineo

“Ai tempi di Mani Pulite ci sarebbe stata un’insurrezione”

per Corradino Mineo l’intromissione sull’attività dei magistrati che stanno coordinando l’inchiesta Consip è un “segnale pesantissimo”. “Quello che pare stia succedendo nel Csm è un po’ allarmante: il Consiglio va deciso verso il cambiamento di funzioni di Woodcock, lo si vuole obbligare a non fare più il pm. Questo è un segnale pesantissimo, con il Csm che a inchiesta ancora aperta interviene come un ariete su un giudice”, spiega il senatore. “Se fosse successo ai tempi di Mani Pulite ci sarebbe stata un’insurrezione popolare”. Intervistato da Radio Cusano Campus, il parlamentare componente della Commissione Antimafia smonta anche la tesi del complotto: “Tutta la caciara che si è montata qualche giorno fa riguardo un golpe realizzato da un magistrato e due carabinieri mi è sembrata subito poco credibile. Ne ho visti tanti di attentati alle istituzioni democratiche, ma così smandrappati mai. In questa inchiesta al momento non c’è reato, ma è preoccupante che anche intimi del presidente del Consiglio ronzassero come mosche intorno a Consip. Questo come cittadino mi preoccupa”.

Cronaca
Consiglio superiore

Ardituro: “Non c’è un procedimento per incompatibilità”

Per il momento il pm Woodcock non è sottoposto ad alcun procedimento per incompatibilità da parte del Consiglio superiore della magistratura. A specificarlo è il consigliere del Csm, Antonio Ardituro: “Il Consiglio sta svolgendo un’azione conoscitiva, del tutto preliminare a valutazioni su eventuali incompatibilità. Al momento non c’è nessun procedimento aperto”, ha detto. Il magistrato, intervenendo alla trasmissione Radio Anch’io su Radio1, ha parlato del caso Consip e della situazione del procuratore napoletano, Henry John Woodcock: “C’è molta confusione nell’opinione pubblica su quello che sta facendo il Csm. Una cosa sono gli accertamenti e l’esercizio dell’azione disciplinare, che spetta alla Procura Generale presso la Corte di Cassazione, altra cosa è l’attività della prima commissione del Consiglio, che ha limiti normativi molto ristretti. È evidente che una vicenda del genere merita attenzione da parte del Csm ma nei limiti dei suoi poteri”. In conclusione, il consigliere predica prudenza: “Bisogna fare molta attenzione: si discute questioni complesse quando si dice che Woodcock non poteva svolgere quell’indagine perché la doveva svolgere un altro sostituto all’interno dell’ufficio“.

Testatine

Testatina del 20/09/2017

Cronaca

Atti retrodatati per gli appalti Expo: “Processate Sala”

Il “re” Froome è positivo: il ciclismo ha il fiato corto
Cronaca
“Doping”

Il “re” Froome è positivo: il ciclismo ha il fiato corto

di
Uccise in strada un ladro in fuga. Condannato a 9 anni e 4 mesi
Cronaca
Brescia - Il pm aveva chiesto 16 anni

Uccise in strada un ladro in fuga. Condannato a 9 anni e 4 mesi

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×