Nel Paese di Masterchef non si trovano cuochi

Le aziende cercano 11 mila tra camerieri e chef specializzati: “Le scuole non li formano a dovere”

Prendiamo un Paese con quasi 3 milioni di disoccupati. Aggiungiamo un settore, quello della ristorazione, pieno di ragazzi appassionati e disposti a frequentare scuole alberghiere e costosi corsi di formazione pur di entrarci. Condiamo il tutto con 11 mila posti disponibili che le aziende – secondo i radar della Federazione pubblici esercenti (Fipe) – non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.