Nel nome di Aimo e Nadia

Nel nome di Aimo e Nadia

Nel 1962 in via Montecuccoli, periferia occidentale di Milano, non c’era neanche l’asfalto (e probabilmente neanche il nome della via). Però c’era un piccolo bar con gioco di bocce che si chiamava Stella. Aimo e Nadia Moroni individuano in queste quattro mura il posto giusto per il ristorante che hanno in mente. Da quell’anno la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.