Nel nome del padre, Matteo l’irriducibile rifà il Nazareno

In tv nel giorno dell’interrogatorio di Tiziano difende il fedelissimo Lotti (ma va cauto sul babbo): “Niente processi sommari”. E incassa il sostegno del centrodestra
Nel nome del padre, Matteo l’irriducibile rifà il Nazareno

È un piacere rivederla”, dice Matteo Renzi con una (mezza) battuta a Lilli Gruber a Otto e mezzo, mentre a tratti quasi le toglie la parola. È nervoso, ma determinatissimo, è pronto a chiarire con forza che lui non ha nessuna intenzione di mollare. E lo fa nel giorno più complicato, quello dell’interrogatorio di Tiziano: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.