“Nel mio Messico chi studia e indaga rischia la morte”

Paloma Saiz - L’attivista delle “Brigate per leggere in libertà”: “Decenni di governi corrotti hanno azzerato secoli di cultura”
“Nel mio Messico chi studia e indaga rischia la morte”

“Il viale dei sogni infranti”, così definì il cantautore spagnolo Joaquin Sabina la vita della voce femminile messicana per eccellenza, Chavela Vargas. Ed è proprio ciò che sembra diventato il Messico delle cronache di morti quotidiane, ritrovamenti di fosse comuni, giornalisti spariti e donne stuprate e uccise. E allora dov’è finito il Paese del fermento […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora


entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.