Nel lager: “Dio dove sei?”

Polonia - Terza volta di un Papa ad Auschwitz
Nel lager: “Dio dove sei?”

La mano sul Muro della morte, il bacio su uno dei pali delle impiccagioni e la preghiere nella Piazza dell’Appello e nella cella dove è morto di fame Massimiliano Kolbe. E poi le mani strette e gli abbracci caldi con dieci sopravvissuti della Shoa. Papa Francesco ha scelto il silenzio nella sua visita ad Auschwitz, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.