Nel contratto giallo-verde nessun accenno alla chiusura dei porti

Nel contratto giallo-verde nessun accenno alla chiusura dei porti

Nel Contratto per il governo del cambiamento, al capitolo 13, Immigrazione: rimpatri e stop al business, non c’è nulla che rimandi a un provvedimento che preveda la chiusura coatta dei porti italiani. I punti elencati sono ben altri, dallo “scardinare il business degli scafisti” all’”implementare gli accordi bilaterali con l’Ue” passando per “l’individuazione di sedi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.