Nel ’93 i carabinieri sapevano della trattativa con Cosa Nostra

Dopo l’arresto di Riina il generale Cancellieri ne parlò con i giornalisti: il pm deposita l’audio
Nel ’93 i carabinieri sapevano della trattativa con Cosa Nostra

Era il 15 gennaio 1993 e Totò Riina era stato appena ammanettato a Palermo in viale Regione Siciliana: fu quello stesso giorno, durante la trionfale conferenza stampa convocata dai carabinieri nella caserma Bonsignore, che il generale Giorgio Cancellieri, massima autorità dell’Arma sull’isola, rivelò pubblicamente il “piano strategico” avviato dal capo dei capi di Cosa Nostra: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.