Nel 1994 denunciò i favori a Cosa Nostra, Maroni teste in aula

Nel 1994 denunciò i favori a Cosa Nostra, Maroni teste in aula

In un’intervista al Tg3, il 16 luglio del ’94, denunciò l’”imbroglio” con cui il Consiglio dei ministri aveva approvato il decreto Biondi inserendo sottobanco disposizioni che favorivano Cosa Nostra. E ora i pubblici ministeri del pool Stato-mafia chiedono di sentire in aula Roberto Maroni, all’epoca ministro dell’Interno e oggi presidente della Regione Lombardia, per sapere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.