’Ndrine in Emilia, il pentito: “Un patto con l’uomo di FI”

’Ndrine in Emilia, il pentito: “Un patto con l’uomo di FI”

Le prime dichiarazioni del primo collaboratore di giustizia dell’indagine sulla ‘ndrangheta in Emilia-Romagna confermano e rafforzano le tesi dell’accusa. Giuseppe Giglio, detto Pino, imprenditore crotonese di 49 anni, da oltre un anno in carcere perché ritenuto uno dei motori organizzativi dell’associazione mafiosa individuata dalla Dda di Bologna, ha raccontato che gli esponenti delle cosche hanno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.