‘Ndrine e bagarini, il procuratore: “Rapporto che dura da almeno 10 anni”

Le mani della ‘ndrangheta si sono allungate sui biglietti della Juventus da tempo. Almeno dieci anni. E forse di più. Lo afferma Marcello Tatangelo, sostituto procuratore generale in Piemonte, pubblica accusa al processo d’appello dell’inchiesta Alto Piemonte sulle infiltrazioni delle cosche nel Nord-Ovest. Il magistrato ha chiesto quattordici condanne – la più alta delle quali […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.