Napoli, condannato il baby boss: insulti e minacce a Woodcock

Napoli, condannato il baby boss: insulti e minacce a Woodcock

Non ha scorta, non ha tutela e non intende averne nemmeno dopo le minacce ricevute ieri da alcuni imputati del processo al clan Sibillo del rione Forcella. Continuerà a circolare in motorino come sempre, senza cambiare le sue abitudini. Il pm di Napoli Henry John Woodcock è sereno: “Non ho dato nessun peso a quelle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.