» Economia
domenica 12/03/2017

Sole 24 Ore, Napoletano non molla. E Confindustria si sfascia

Barricate - Il direttore offre l’autosospensione. Il giornale andrebbe in mano al vice. Ma i giornalisti continuano lo sciopero. Convocato per domani cda straordinario

Il braccio di ferro tra i giornalisti del Sole 24 Ore e il direttore Roberto Napoletano, indagato per falso in bilancio, sta sfasciando la Confindustria, azionista di controllo del quotidiano economico. La redazione ha deciso venerdì sera lo sciopero a oltranza fino a quando Napoletano non sarà fuori dell’azienda. Anche oggi e domani Il Sole non sarà in edicola. Il direttore non ha intenzione di dimettersi. E l’editore, cioè il presidente della Confindustria Vincenzo Boccia, che ironicamente è titolare di un’azienda tipografica, continua a difendere il direttore indagato. Gli imprenditori associati, grandi e piccoli, tacciono, anche se la grande maggioranza di loro, privatamente, confidano la preoccupazione per una vicenda che rischia di segnare la fine di Confindustria. Per dipanare la matassa il presidente della società editoriale Giorgio Fossa ha convocato per domani un cda straordinario.

La posizione di Boccia è garantista. Fa sapere che non si possono chiedere le dimissioni per un avviso di garanzia. E a maggior ragione un’azienda non può cedere alla pressione dei suoi dipendenti. Lo sciopero a oltranza fino a che Napoletano non lascerà l’azienda è considerato un ricatto inaccettabile. Qualcosa non torna nel ragionamento di Boccia. I giornalisti del quotidiano di via Monterosa, che hanno votato lo sciopero a oltranza con una maggioranza del 90 per cento, non possono essere trattati con sufficienza. Se l’editore svaluta la loro competenza e autorevolezza, trattandoli con disprezzo come operai rabbiosi, svaluta automaticamente il valore dell’azienda quotata in Borsa. Gli operatori finanziari, ai quali ogni giorno l’editore Boccia vende Il Sole 24 Ore come prodotto di qualità frutto del valore dei suoi dipendenti, stanno dalla parte dei giornalisti: da quando, ai primi di ottobre scorso, hanno sfiduciato a larga maggioranza il direttore e chiesto a Boccia di farlo fuori, il titolo del Sole 24 Ore ha perso in Borsa il 40 per cento del suo residuo valore.

Ma Boccia non si arrende. Le voci di corridoio parlano di faticose trattative. Napoletano avrebbe offerto l’autosospensione con affidamento del giornale ad interim al vicedirettore Alberto Orioli. Una mossa che però non servirebbe a fermare lo sciopero dei giornalisti. Ma il direttore si sente nonostante tutto fortissimo. Diversi giornalisti del Sole sostengono di avergli sentito dire: “Se cado io cade anche Boccia”.

A rendere del tutto incomprensibile la resistenza di Boccia è il fatto che la posizione di Napoletano non è stata intaccata dalla perquisizione condotta nel suo ufficio venerdì mattina dagli uomini del Nucleo valutario della Guardia di Finanza. La procura di Milano infatti non ha scoperto niente e non ha costruito alcun teorema. Si è limitata a indagare su fatti che risultano dai documenti interni dell’azienda e sono stati portati all’attenzione dei magistrati da numerosi esposti perché ne siano valutati gli eventuali aspetti penali. Ma Boccia e il cda del Sole 24 Ore i fatti li conoscono da prima dei magistrati e molto meglio.

La diffusione del giornale a partire dal 2013 è stata artificiosamente gonfiata. Lo ha dichiarato il presidente della società Giorgio Fossa nell’assemblea degli azionisti del 22 dicembre scorso, quando su richiesta della Consob ha rettificato al ribasso del 38 per cento il numero di copie diffuse nel 2015. Da mesi ogni riunione del cda è funestata da scontri verbali sulla posizione del direttore. Ne ha richiesto ripetutamente la sostituzione il consigliere Niccolò Dubini, manager di lungo corso che a forza di protestare è stato fatto fuori lui da Boccia, che pure lo aveva indicato ad aprile dello scorso anno. Il presidente della Confindustria ha replicato a un big confindustriale come Carlo Pesenti, che criticava il siluramento di Dubini nel rinnovo del cda di novembre scorso, spiegando che si trattava di garantire “coesione tra cda e azionista di maggioranza”. Si noti di passaggio che tale coesione è in contrasto con il codice civile e con il senso comune, ma ormai la Confindustria è ridotta così: l’abitudine a gestire le società quotate come la ditta di famiglia è così radicata che lorsignori si dimenticano ormai di dissimularla in pubblico.

Anche i due amministratori delegati che si sono succeduti negli ultimi otto mesi hanno chiesto la testa del direttore (non ancora indagato) e Boccia li ha mandati a stendere. Lo ha fatto con Gabriele Del Torchio, chiamato da Boccia per risanare il gruppo editoriale, e silurato dopo quattro mesi perché aveva aperto troppi cassetti e perché aveva chiesto la sostituzione del direttore.

Anche questo Boccia lo ha dichiarato al Consiglio generale Confindustria del 12 ottobre, rivendicando che se l’amministratore delegato vuole mettere bocca sulla scelta del direttore “il rischio è che i ruoli si ribaltino”. Dopo Del Torchio è arrivato Franco Moscetti, molto gradito a Napoletano, l’unico dipendente a cui Boccia e i precedenti presidenti di Confindustria hanno sistematicamente concesso il ribaltamento dei ruoli. Ma Moscetti (insieme a Fossa che non è un passante, avendo presieduto la Confindustria dal ‘96 al 2000), nel giro di poche settimane è arrivato alla stessa conclusione di Del Torchio: bisogna cambiare il direttore. Una posizione ferma che lo avrebbe portato a fare la stessa fine di Del Torchio se lo scenario non fosse cambiato con la perquisizione di venerdì mattina.

 

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Lo sberleffo

Libertà di stampa? Sereni, c’è Il Foglio

Dopo averci spiegato miliardi di volte che i magistrati sono una minaccia per la serena vita delle aziende, Il Foglio ha trovato un nuovo filone di pensiero: le inchieste giudiziarie minacciano la libertà di stampa se toccano il Sole 24 Ore. Così ieri i giureconsulti foglianti ci hanno spiegato che la gestione del Sole dev’essere “verificata con attenzione dagli azionisti (sostanzialmente dalla Confindustria)” e “non si vede invece perché debba essere sottoposta a un giudizio penale”. Segue l’ipotesi che “qualche settore della magistratura” voglia “esercitare una specie di tutela” sul giornale. Se i giurisperiti del Foglio sapessero che cos’è il mercato che beatificano a vanvera, saprebbero anche che a guardia di una società quotata in Borsa non c’è tanto l’azionista di controllo quanto l’azionista di minoranza. E che numerosi azionisti di minoranza hanno chiesto alla magistratura di intervenire sul Sole. Ai giurisperiti del Foglio non è arrivata la notizia, ma a guardia della gestione di un’azienda (che è un bene pubblico anche se di proprietà privata) è stato messo anche (non solo) il codice penale. Ci ha pensato nel 1889 il noto giustizialista Giuseppe Zanardelli, dopo aver distratto i garantisti abolendo la pena di morte.

Economia
Istat, potere d’acquisto

I prezzi (1%) corrono il doppio dei salari. E il divario aumenterà

I prezzi viaggiano a una velocità doppia rispetto agli stipendi, con tutto ciò che ne consegue in termini di perdita del potere d’acquisto. Dati dell’Istat alla mano, a gennaio l’inflazione si è attestata all’1% mentre le retribuzioni contrattuali orarie sono salite dello 0,5% (su base annua). Si riapre così una forbice tra carovita e buste paga che non si vedeva da anni. Per ritrovare una crescita dei prezzi superiore a quella dei salari bisogna tornare indietro di quasi quattro anni, a marzo 2013. In realtà già a dicembre 2016 l’inflazione (+0,5%) aveva sorpassato le retribuzioni di poco (+0,4%). Quanto ai mesi che verranno, per febbraio le stime sui prezzi sono già uscite e indicano un +1,5%. Un dato che fa pensare a un allargamento del divario. Forse qualcosa potrebbe cambiare quando i metalmeccanici intascheranno gli aumenti previsti dal rinnovo firmato a fine novembre. Per i prezzi, invece, la fiammata di inizio anno potrebbe rientrare nei ranghi, visto che le attese di consumatori e imprenditori non indicano pressioni al rialzo, come riportato dall’Istat. Di certo, sulla dinamica delle retribuzioni pesa lo stop della contrattazione nel pubblico impiego, con circa 3 milioni di dipendenti.

Politica

Emiliano prova a sedurre il Bassolino furioso

Economia

La Convenzione governo-Rai e l’ennesimo rischio censura

Economia
sanitàko - L’Italia senza medici

Chirurgia in Liguria: -15% di interventi

Olimpiadi a Torino, l’occasione mancata
Economia
L’intervento

Olimpiadi a Torino, l’occasione mancata

di
Addio Murdoch: Comcast gli sfila il controllo di Sky
Economia
Informazione

Addio Murdoch: Comcast gli sfila il controllo di Sky

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×