“Napoleone è morto!” E fu subito insider trading

“Napoleone è morto!” E fu subito insider trading

Il 21 febbraio 1814 a Londra si diffuse la clamorosa notizia della morte di Napoleone, ucciso dai cosacchi. La Borsa schizzò all’insù e si scatenò il panico. Ma la notizia era falsa. A farne le spese fu Thomas Cochrane, ammiraglio, politico, finanziere: arrestato, condannato, degradato per aggiotaggio. Da questa vicenda Alexandre Dumas prese successivamente spunto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.