Mosca non ha voluto cercare i mandanti

L’omicidio di Anna Politkovskaja - La Corte europea dei diritti dell’uomo condanna il Cremlino

A quasi dodici anni dall’assassinio di Anna Politkovskaja, la giornalista russa autrice di numerose inchieste sulla violazione dei diritti umani in Cecenia e diversi altri reportage non graditi a Vladimir Putin, arriva il primo richiamo ufficiale a Mosca. Lo Stato russo viene chiamato direttamente in causa dalla Corte europea dei diritti umani che lo condanna […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.