» Cronaca
giovedì 17/05/2018

Morti di Rigopiano, indagati D’Alfonso e gli ex governatori

Abruzzo - Il presidente-senatore risponde per il disastro e le 29 vittime dell’hotel insieme ai predecessori: mai deliberata la “carta valanghe”
Morti di Rigopiano, indagati D’Alfonso e gli ex governatori

È sulla mancata realizzazione della Carta valanghe che si stringono le maglie dell’inchiesta sul disastro di Rigopiano. A finire nel registro degli indagati questa volta sono i vertici della Regione Abruzzo, presenti e passati. Si va dall’attuale governatore Luciano D’Alfonso (che mantiene anche la poltrona da senatore del Pd), ai suoi predecessori Gianni Chiodi e Ottaviano Del Turco. Per loro, i reati ipotizzati sono concorso in omicidio, lesioni e disastro colposo.

Con le stesse accuse, la Procura di Pescara ha indagato anche gli assessori con le deleghe alla protezione civile dal 2007 a oggi, ovvero Tommaso Ginoble, Daniela Stati, Gianfranco Giuliante e Mario Mazzocca, e poi, sempre per le vicende che riguardano la mancata realizzazione della Carta valanghe, risultano indagati anche alcuni funzionari regionali. Una decina di persone che vanno ad aggiungersi alle 23 già da tempo iscritte nel registro degli indagati.

Una legge non attuata e l’inerzia lunga decenni potrebbero essere alla base del disastro dell’hotel sulle montagne abruzzesi, in cui nel gennaio del 2017 persero la vita 29 persone e una rimase gravemente ferita sotto una slavina che spazzò via la struttura.

Per il Procuratore capo Massimiliano Serpi, “si è reso necessario approfondire il tema dei tempi, modi e risorse finanziarie necessarie per la redazione della Carta localizzazione pericolo valanghe da parte dell’Ente Regione Abruzzo sia nelle sue articolazioni politiche che tecniche amministrative, a far tempo dall’emergere nel 2007 nell’ambito della carta storica delle valanghe del sito di Rigopiano, nonché in punto di gestione regionale dell’emergenza neve nel gennaio 2018”.

Un ulteriore passo avanti che investe la politica regionale e che, spiegano ancora dalla Procura, è arrivato dopo “una prima impegnativa fase investigativa volta ad acquisire il quadro complessivo”. Diversi infatti i temi sul tavolo degli inquirenti, dalla prevenzione del rischio valanghivo al rispetto delle normative per l’edificazione dell’hotel e resort Rigopiano, fino alla gestione dell’emergenza neve e viabilità e agli eventuali ritardi nelle operazioni di soccorso. Oggi il cerchio si stringe sulla mancata redazione della Carta valanghe. La lunga serie di omissioni a riguardo, è stata elencata i primi di marzo in un esposto contro il presidente D’Alfonso, presentato dagli avvocati del sindaco di Farindola Ilario Lacchetta (tra gli indagati).

Tra rinvii e omissioni si parte dal 1993, quando il Coreneva, il comitato regionale neve e valanghe, risulta aver sollecitato la realizzazione della Carta. Nel 2014 è l’ex governatore Chiodi a fare una delibera che però non vede mai attuazione, tanto che l’iter si è messo in moto solo dopo la strage di Rigopiano.

I primi ad essere iscritti nel registro degli indagati, tre mesi dopo la tragedia, sono stati il presidente della Provincia di Pescara Antonio Di Marco, Paolo D’Incecco e Mauro Di Blasio, funzionari della stessa Provincia, il sindaco Lacchetta, un tecnico comunale, e Bruno Di Tommaso, gestore dell’albergo. Lo scorso novembre, a questi nomi si sono aggiunti quelli di altre 17 persone, tra cui l’ex prefetto di Pescara Francesco Provolo.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Processo d’appello a Milano

Agenti e carabinieri, chiesti da 10 a 13 anni per la morte di Uva

La morte di Giuseppe Uva fu una conseguenza, insieme ad altre cause tra cui una sua pregressa patologia cardiaca, delle “condotte illecite” di due carabinieri e di sei poliziotti accusati di omicidio preterintenzionale e sequestro di persona nel processo davanti alla Corte d’assise d’appello di Milano. Condotte scaturite dalla decisione dei due militari di “dare una lezione” al 43enne, morto dopo un fermo a Varese nel 2008, che si sarebbe vantato di una presunta relazione sentimentale con la moglie di uno dei due. Ne è convinto il sostituto pg Massimo Gaballo che ha chiesto di ribaltare il verdetto di primo grado del Tribunale di Varese e di condannare a 13 anni i due carabinieri e a 10 anni e mezzo i sei agenti. Uva venne fermato nella notte tra il 13 e il 14 giugno 2008 dai due carabinieri, mentre stava spostando delle transenne nel centro della città lombarda. Fu trattenuto per alcune ore in caserma, poi fu trasportato con trattamento sanitario obbligatorio all’ospedale di Circolo di Varese, dove morì la mattina successiva. Secondo Gaballo, fu la “costrizione fisica” a cui fu sottoposto dagli imputati, insieme alle “lievissime lesioni riscontrate sul suo corpo”, a causarne la morte.

Economia

Il focus, dieci anni di lavoro

Cronaca

Dieselgate, città d’Europa contro la Commissione

Disabile e sfrattato. “La casa? Deve attendere”
Cronaca
La storia

Disabile e sfrattato. “La casa? Deve attendere”

di
“Potevo fare la stessa fine. E i miei non lo sanno”
Cronaca
L’intervista

“Potevo fare la stessa fine. E i miei non lo sanno”

di
I giudici e la morte di Desirée: “Non fu omicidio volontario”
Cronaca
L’inchiesta

I giudici e la morte di Desirée: “Non fu omicidio volontario”

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×