Moro, la commissione e il lavoro non finito

Quella parola che ti aspetti finalmente la trovi verso la metà della relazione finale. È innegabile, hanno scritto i membri dell’ultima commissione sull’uccisione di Aldo Moro che “con il concorso di forze diverse si venne a creare una posizione processuale particolarmente garantita” nella quale il ruolo di testimone di Valerio Morucci scoloriva in una opaca […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.