Mori ostacolò la cattura di Provenzano ma solo perché “burocrate” e “attendista”

Palermo, Le motivazioni dell’assoluzione per il generale e Obinu
Mori ostacolò la cattura di Provenzano ma solo perché “burocrate” e “attendista”

Non c’è la prova del dolo. La corte d’appello bacchetta “l’atteggiamento attendista” e “l’approccio burocratico” di Mario Mori e Mauro Obinu, definendole condotte idonee a “compromettere” il blitz che il 31 ottobre ’95 doveva arrestare Provenzano a Mezzojuso. Ma i giudici non si spingono oltre: quelle scelte investigative, scrivono, non provano affatto “la volontà degli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.